Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Coronavirus: cosa aspettarsi dal mercato immobiliare e le misure messe in atto


L'emergenza Coronavirus aggredisce un'economia italiana già in enorme difficoltà. L'ultimo trimestre chiude in passivo dello 0,3%, come non accadeva da quasi sette anni.

 

Le misure del governo

Per chi ha acquistato una casa con un mutuo, con il primo (il Dl 9/2020) è stato deciso che la moratoria sui mutui prima casa va applicata a tutti coloro che abbiano subito una riduzione dell’orario di lavoro di almeno trenta giorni.

Con il secondo decreto invece (Dl 18/2020) c’è stato un notevole allargamento: per nove mesi anche tutti i lavoratori autonomi potranno chiedere il congelamento della rata. Per attuare queste regole era, però, necessario un ulteriore decreto del ministero dell’Economia, che è stato pubblicato sabato 28 marzo.

Restano fermi tutti i vecchi casi di accesso al fondo che dà diritto alla sospensione (come la morte o il riconoscimento di un handicap grave), ma se ne aggiungono altri. C’è, anzitutto, la sospensione dal lavoro per almeno trenta giorni consecutivi o la riduzione dell’orario di lavoro per almeno trenta giorni consecutivi: questa riduzione deve essere pari al 20% dell’orario complessivo.

A ogni periodo di sospensione dal lavoro corrisponde un periodo di congelamento del mutuo. Sei mesi di stop per sospensioni o riduzioni tra 30 e 150 giorni. Dodici mesi di stop tra 151 e 302 giorni. Diciotto mesi di stop quando si superano i 303 giorni. Le sospensioni possono essere anche ripetute finché il fondo ha capienza.

 

La richiesta

Alla domanda andrà allegato il provvedimento che autorizza un trattamento di sostegno al reddito, come l’indennità di disoccupazione, o una dichiarazione del datore di lavoro che attesti la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro per cause non riconducibili alla sua responsabilità. In questo documento andranno riportati il tempo di sospensione e la percentuale di riduzione dell’orario.

 

Nessuna commissione extra

La sospensione del pagamento delle rate di mutuo – va sottolineato - non comporta l’applicazione di nessuna commissione o spesa di istruttoria e deve avvenire senza la richiesta di garanzie aggiuntive.

 

I paletti da considerare

Alcuni punti, comunque, andranno considerati. Ci sono dei requisiti di base per accedere alla moratoria che restano in piedi. Potrà, ad esempio, presentare domanda solo il proprietario di un immobile adibito ad abitazione principale, titolare di un mutuo di importo non superiore a 250mila euro.

Inoltre, bisogna considerare che lo stop riguarda la quota di interesse, che verrà rimborsata dal fondo alle banche solo per il 50%: il resto rimane a carico del titolare del finanziamento. Inoltre, la quota capitale resterà intatta e il piano di ammortamento sarà semplicemente allungato.

 

Come andrà il mercato immobiliare?

In questa fase diventa complicato anticipare e dare una risposta a questa domanda.

Tuttvia, S&P Global Ratings nel suo recente rapporto sul settore immobiliare in Europa, prevedere che i prezzi delle abitazioni in Italia saranno leggermente più dinamici quest'anno, con un incremento dello 0,5% rispetto allo 0,1% dello scorso anno e dopo il calo dei prezzi registrato nei due anni precedenti.

Il mercato immobiliare è stato caratterizzato da un certo dinamismo alla fine del 2019, registrando un andamento positivo nel terzo trimestre 2019 (+0,4%) per la prima volta dal 2016" è lo scenario delineato da S&P Global Ratings.

Le previsioni non sembrano comunque positive per il mercato immobiliare residenziale in Italia, ora che il mercato sta già dando segnali di rallentamento.

Per  l'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate nel IV trimestre del 2019, infatti le vendite di case sono aumentate solo dello 0,6%, un valore sensibilmente inferiore a quello registrato nel trimestre precedente (+3,9%) nonché il più basso degli ultimi 19 trimestri.
Sono, in tutto, 168.298 le unità immobiliari vendute nell'ultimo trimestre dell'anno passato. Nell'arco degli scorsi 12 mesi le unità compravendute hanno, quindi, di poco superato le 603mila unità.

Coronavirus: cosa aspettarsi dal mercato immobiliare e le misure messe in atto

Image
Registrati per accedere al sistema: Registrati
App disponibile per:

Hai bisogno di informazioni?